Venerdì 18 luglio

Ore 21:00 - piazza San Carlo

Guida all’ascolto a cura di Giorgio Pestelli

Prof. Giorgio Pestelli introduce Don Giovanni di Mozart

Ore 21:30 - piazza San Carlo

Don Giovanni

Dramma giocoso in due atti
Libretto di Lorenzo Da Ponte
Musica di Wolfgang Amadeus Mozart

Adattamento di Vittorio Sabadin

Personaggi e interpreti
Don Giovanni, giovane cavaliere estremamente licenzioso, baritono, Nicola Ulivieri
Donna Anna, figlia del commendatore, soprano, Maria Grazia Schiavo
Donna Elvira, dama di Burgos abbandonata da Don Giovanni, soprano, Carmela Remigio
Don Ottavio, promesso sposo di donna Anna, tenore, Francesco Marsiglia
Leporello, servo di Don Giovanni, basso, Mirco Palazzi
Zerlina, soprano, Lavinia Bini
Masetto, promesso sposo di Zerlina, contadino baritono, Davide Motta Fré
Il Commendatore, basso, In-Sung Sim

Voce narrante, Lucilla Giagnoni

Maestro al fortepiano, Carlo Caputo

Direttore, Daniele Callegari
Messa in scena a cura di Vittorio Borrelli
Costumi a cura di Laura Viglione
Luci, Vladi Spigarolo
Progetto di video-scenografia, Film Commission Torino Piemonte
Fotografie realizzate da: Enrico De Santis e Alessandro Salvatore
Maestro del coro, Claudio Fenoglio

Orchestra e Coro del Teatro Regio
Allestimento Teatro Regio

[Durata: 1h 50’ circa senza intervallo]

Consulta la nota di sala

Don Giovanni è uno dei personaggi più affascinanti del teatro. Come Don Chisciotte e Faust è uscito dalle pagine di carta e ha assunto da tempo una vita propria.
Tanti ne hanno scritto, anche in musica, ma solo Mozart lo ha reso immortale. Ce ne ha svelato l’anima accompagnandolo fino agli abissi dell’inferno e lo ha circondato di personaggi femminili che, odiandolo, non possono fare a meno di amarlo. Come accade a tutti noi, che non possiamo approvare il suo sfrenato bisogno di soddisfare ogni desiderio, ma alla fine lo assolviamo, se non altro per la sua ostinata, grandiosa coerenza.

Tra le tante donne del catalogo, ce n’è una che lo conosce meglio di tutte. È Elvira, un personaggio aggiunto da Molière all’originale commedia di Tirso de Molina. Nel libretto di Da Ponte, Elvira è presente in tutti i momenti più salienti. Sedotta e abbandonata, torna per vendicarsi, ma se Don Giovanni le aprisse le sue braccia, ci si butterebbe subito.

In Piazza San Carlo, il Teatro Regio riporterà in vita Donna Elvira: sarà lei a introdurre e raccordare le più belle pagine dall’opera per spiegare a tutti chi era davvero Don Giovanni: un mascalzone, un impunito, una faccia da schiaffi, ma così tenero nell’arte di sedurre, così primitivo e a suo modo moderno nella ricerca del piacere e della libertà assoluta. Donna Elvira lo accompagnerà fino al terribile momento dell’arrivo del Convitato di pietra, che chiederà invano a Don Giovanni di pentirsi.

Solo una forza ultraterrena poteva fermarlo e trascinarlo con sé, lasciando Elvira e tutti gli altri personaggi un po’ sollevati, ma con un inspiegabile vuoto nel cuore.

Altri appuntamenti

Ore 15:00 - Centro estivo della Città di Torino Istituto Comprensivo N. Tommaseo

Sonata in si bemolle maggiore per violino e pianoforte K. 454
Michela D’Amico, violino
Angela Guasco, pianoforte

Sonata in fa maggiore per pianoforte K. 280
Michela Sara De Nuccio, pianoforte*

Sonata in do maggiore per pianoforte a quattro mani K. 521
Giorgia Fabro, Tu De Jing, pianoforte**

Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino
Scuola di Musica da camera di Antonio Valentino e Marco Zuccarini**
Scuola di Pianoforte di Daniela Carapelli*

Concerto di introduzione all’ascolto esclusivamente riservato ai bambini del Centro estivo